DEMOCRAZIA GLOBALE

Democrazia nel mondo

democraziaLa democrazia (quando funziona bene) è indubbiamente la miglior forma di governo che un paese possa sperare di avere: i cittadini sono lasciati liberi di fare e di pensare, di esprimere i loro pareri e le loro opinioni, senza paura di repressione da parte dei poteri forti.

Purtroppo oggi nel mondo non tutti i paesi sono democratici anche se tanti affermano di esserlo. Prendiamo ad esempio la Guinea Equatoriale, un paese governato dal 1979 da Teodoro Obiang Nguema Mbasogo, rieletto ancora una volta nel 2009 con una percentuale di voti a favore che ha sforato il 95%. Il paese ha un parlamento con 100 membri, di cui 99 fanno parte dello stesso partito del Presidente. Nonostante sia un paese particolarmente ricco da un punto di vista delle risorse (ha delle ampie riserve di petrolio), tale ricchezza è concentrata nelle mani di una ristretta cerchia di persone.

Andando a vedere la classifica della democrazia per continente non stupisce di vedere che Nord e Sud America, Europea ed Oceania sono i continenti con la maggior percentuale di paesi democratici, mentre Africa e Asia sono quelli in cui il numero di questi paesi si può contare quasi sulla punta delle dita. Non è un caso che proprio in questi continenti si trovino i 10 paesi dove c’è meno libertà di stampa secondo la classifica ufficiale 2014 del World Press Freedom Index, dalla Repubblica di Lao fino all’Eritrea, passando per Sudan, Repubblica Islamica, Vietnam, Cina, Somalia, Repubblica Siriana, Turkmenistan e Repubblica Popolare della Corea del Nord.

Eppure la democrazia fa bene al popolo e fa bene al paese in generale, contribuisce ad aumentarne le ricchezze e permette una crescita armoniosa delle nuove generazioni. Secondo questo interessante studio del 2011, che ha posto in correlazione l’indice di quell’anno della libertà di stampa e i dati della ricchezza economica pubblicati dalla World Bank, è emerso che i paesi che hanno un certo livello di ricchezza pro-capite (per la precisione 10.000 dollari) sono definitivamente liberi, la democrazia si è ben stabilita e non c’è modo di tornare indietro da essa, poiché la società è vibrante e ricca di buone speranze.

La democrazia è dunque “la” forma di governo, l’unica in grado di assicurare la ricchezza di tutti, ed è giusto incoraggiarla e cercare di spingere anche i paesi che non lo sono a fare di più in tal senso.


Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*