DEMOCRAZIA GLOBALE

Democrazia in una monarchia costituzionale

democraziaUna monarchia costituzionale è una forma di governo in cui un monarca agisce come capo di stato. Essa si differenzia dalla monarchia assoluta in quanto il monarca assoluto è l’unica fonte del potere politico dello stato e non è giuridicamente vincolato da una costituzione. La maggior parte delle monarchie costituzionali hanno un sistema parlamentare in cui il monarca può avere compiti strettamente cerimoniali o dei poteri riservati, a seconda di quello che garantisce la Costituzione. Addirittura tali monarchie costituzionali hanno un primo ministro eletto direttamente o indirettamente, che è anche il capo del governo ed esercita efficace il potere politico.

Come nella maggior parte delle repubbliche, l’autorità esecutiva di una monarchia costituzionale spetta al capo dello Stato. Oggi la monarchia costituzionale è quasi sempre combinata con la democrazia rappresentativa per mettere in atto un compromesso tra totale fiducia nella classe politica emonarchi. Anche se il re o la regina possono essere considerati come capo simbolico del governo, è il primo ministro che effettivamente governa il paese.

Più spesso però, le istituzioni monarchiche hanno svolto un ruolo cruciale nel contrastare gli sforzi di rovesciamento delle istituzioni democratiche da movimenti fascisti o comunisti. Gli esempi includono il tentato di un colpo di stato in Spagna nel 1981, i tentativi di colpo di stato in Thailandia e il tentativo di acquisizione comunista di Grenada nel 1983.

In Gran Bretagna, la Gloriosa Rivoluzione del 1688 ha portato a una monarchia costituzionale limitata dalle leggi emanate dalla Carta dei Diritti del 1689 e dall’Act of Settlement del 1701. Oggi la monarchia in Gran Bretagna è politicamente neutrale e per convenzione il ruolo è largamente cerimoniale. Nessuno può accettare significativi incarichi pubblici senza giuramento di fedeltà alla regina.

Oggi la democrazia, all’interno di una monarchia costituzionale, rappresenta una parte importante, se non addirittura quella fondamentale da un punto di vista della gestione del paese. Come abbiamo detto, infatti, è il primo ministro, eletto democraticamente dal popolo, che governa il paese e prende le decisioni fondamentali per la sua crescita, anche economica.

Le monarchie costituzionali del mondo moderno sono per lo più associate ai paesi dell’Europa occidentale, come il Regno Unito, i Paesi Bassi, Belgio, Norvegia, Danimarca, Spagna, Lussemburgo, Monaco, Liechtenstein e Svezia. Nonostante questo, le due monarchie costituzionali più popolose del mondo sono Giappone e Thailandia.

La più significativa tra le famiglie monarchiche attualmente in carica è senza dubbio quella del Regno Unito, i Windsor, sotto la cui figura della Regina Elisabetta II si riuniscono i sedici regni del Commonwealth. A differenza di alcuni omologhi europei continentali, il monarca dei reami del Commonwealth detiene una notevole “riserva di potere” che può essere esercitata in tempi di estrema emergenza o durante le crisi costituzionali.


Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*